COS'È LA FASCITE PLANTARE

La fascite plantare è una patologia infiammatoria della guaina (fascia) che riveste la muscolatura della pianta del piede e si concretizza con un dolore al tallone (tallonite o tallodinia), punto scheletrico ove la fascia stessa prende la sua inserzione.

Quali sono le cause?

Causa predisponente e costante di una fascite plantare è la conformazione del piede cavo, che determina una eccessiva tensione della fascia plantare sottesa alla concavità stessa, come la corda di un arco. In questa situazione rientra anche il piede cavo pronato o falso piede piatto.I pazienti, nei quali è presente questa caratteristica anatomica, hanno maggiori possibilità di sviluppare una fascite plantare, soprattutto se al fatto costituzionale si aggiungono sovrappeso, attività sportiva eccessiva, gravidanza, ecc. Queste evenienze, aumentando la tensione della fascia plantare già tesa, possono scatenare l’infiammazione acuta sul punto di inserzione calcaneare della fascia medesima con conseguente borsite e formazione di osso neoformato (spina calcaneare).Una fascite plantare, infatti, è più facilmente riscontrabile in pazienti che praticano corsa, basket, tennis e calcio, ad esempio, sollecitano in modo eccessivo la pianta del piede.

Quali sono i sintomi

L’età di insorgenza più frequente di tale patologia è tra i 40 e i 60 anni.ll sintomo principale della fascite plantare è il dolore localizzato al tallone, ma talvolta anche nel centro della pianta del piede. La tensione della fascia plantare è visualizzabile come una corda sottocutanea, sporgente e sottesa all’arco plantare, dolente alla sua pressione.In casi più avanzati, a livello del calcagno è palpabile una tumefazione corrispondente alla borsite neoformata.Solitamente, si sviluppa gradualmente: generalmente è più acuto al mattino, quando ci si alza dal letto, tende a diminuire dopo aver effettuato i primi movimenti, per poi riacutizzarsi dopo essere stati seduti a lungo.

Diagnosi cure e trattamenti

La diagnosi della fascite plantare viene effettuata dopo una visita specialistica ortopedica, durante la quale si verificherà la presenza e la sede del dolore.
Possono, inoltre, essere necessarie indagini strumentali, quali radiografia eseguita sotto carico, che documenterà il cavismo del piede e spesso la presenza di una spina calcaneare. Quest’ultima è l’immagine indiretta dell’esistenza di un’infiammazione del periostio (membrana che ricopre l’osso) che, a causa della tensione fasciale, viene quindi stimolato, sul punto di inserzione della fascia a livello del calcagno, alla produzione di nuovo osso lungo l’asse di trazione della fascia stessa.

Trattandosi di una patologia a causa strettamente meccanica, il trattamento sarà volto alla riduzione o abolizione della tensione della fascia plantare. Quindi, sarà anch’esso puramente meccanico e consistente nel rilascio della corda fasciale. Questo si può ottenere elettivamente mediante utilizzo di calzatura con tacco comodo di tre/quattro centimetri, anche in soggetti di sesso maschile. Eventualmente, al tacco esterno, che se troppo alto viene male accettato dal paziente maschio per motivi estetici, può esser associata una talloniera non deformabile e che, quindi, mantenga lo spessore sotto il peso del corpo, all'interno della calzatura. Una volta ottemperata questa necessità, si può associare anche la terapia fisica e farmacologica.

L’intervento chirurgico consiste nell’interruzione e sezione della fascia plantare, nella sua totalità mentre invece sono superate e non esenti da complicazioni le tecniche operatorie rivolte all’asportazione della spina calcaneare, la disinserzione della fascia a questo livello o l’asportazione della fascia stessa.La tecnica più moderna e mini invasiva consiste nell’interruzione percutanea sotto cute della fascia plantare eseguita quindi senza incisioni chirurgiche.

Consigli utili

Anche l’utilizzo di scarpe inadatte, come quelle a suola piatta che mantengono a 90 gradi la posizione del piede rispetto alla gamba, predispongono a tale patologia perché mantengono la tensione della fascia stessa.

Prenota la tua visita podologica

Dove trovarmi Podologo a Rovereto, Verona e provincia